Technique of audiovisual representation


Audiovisual language has its own rules: it has a grammar and a syntax. Every shooting, a close up or a wide shot, takes on a specific meaning. Instead, editing is the audiovisual syntax.

Each film is the result of techinical and stylistic choices, which we deeply have to understand.

This course aims to show how we can analyze a video (made for cinema, TV, web) and how the technique should guide us to understand it.

This is the list of the main topics covered: shooting; how a frame is composed; how to move a camera on a set; sound-track and sound off; what is an audiovisual product; standards and materials for filming; the aspect ratio; balance and dynamism in a picture; angle / reverse angle; exposure; third dimension of a frame; white balance; warm light and cold light; the time of the plot; length and rhythm; circular time, linear time and fragment of time; documentary; definition of "pathic cinema": horror, hard-core, propaganda; genre cinema, transmediality; the audiovisual flow on television and on the web.

Each topic will have many examples: sequences taken from movies, videoclips, advertising, news, photographs, comics.

Tecnica della rappresentazione audiovisiva

Come ogni lingua parlata e scritta, anche il linguaggio audiovisivo ha le sue regole. Ha una grammatica, fatta di piani, di campi e di movimenti di macchina; ha una sua sintassi, regolata dal montaggio; presenta una serie di scelte stilistiche, alcune delle quali pertengono alla curiosa – e complicata – relazione che la rappresentazione ha con la realtà che registra e riproduce.Questo corso si pone l’obiettivo di mostrare alcune possibili linee di lettura e di analisi dei diversi comunicati audiovisivi, che partono sempre dal dato tecnico.Questo è l’elenco dei principali argomenti trattati: la suddivisione tra media riprovisivi e media audiovisivi; i limiti di campo; i piani e i campi di una inquadratura; i fuoricampo; i movimenti di macchina; didascalie e suoni diegetici ed extradiegetici; definizione di comunicato audiovisivo; i formati e i supporti; l’aspect ratio e la composizione di una inquadratura tra equilibrio e dinamismo; il mondo analogico e quello digitale; il montaggio non lineare: dall'inquadratura alla sequenza; le riprese in campo e controcampo e la ricostruzione della geografia dello spazio; i piani d'ascolto; gli obiettivi: grandangoli e teleobiettivi; la profondità di campo; l’esposizione, il controluce e il bilanciamento del bianco; la dominante calda e la dominante fredda; la riproduzione del tempo nella rappresentazione audiovisiva: circolare, lineare, frammentato; la ripresa documentaria; la definizione di cinema patico: horror, hard-core, propaganda; l’ibridazione tra i generi, la transmedialità, il flusso audiovisivo in televisione e sul web.Ogni argomento verrà accompagnato da una adeguata presenza di esempi di sequenze estratte da film, videoclip, commercial pubblicitari, servizi giornalistici televisivi, fotografie, fumetti.

I risultati attesi da questo MOOC riguardano l’acquisizione di competenze e di conoscenze.

La competenza essenziale è quella di poter analizzare criticamente ogni tipo di comunicato audiovisivo, prescindendo dal medium con il quale viene distribuito ed erogato al pubblico. Partendo dagli elementi tecnici che contraddistinguono una sequenza, sarà infatti possibile determinare e successivamente indicare le caratteristiche peculiari di ogni rappresentazione audiovisiva, di ambito cinematografico, televisivo o realizzata per il web.

Il MOOC permette inoltre di acquisire la conoscenza dei principali strumenti di rappresentazione audiovisiva, formati e supporti analogici e digitali, veicolati attraverso tutti i media audiovisivi.

Non sono richiesti prerequisiti specifici.È opportuno avere una certa familiarità con il cinema, le serie televisive, la fotografia e i fumetti. Alessandro De Filippo, Ombre (pp. 44-131):
https://www.academia.edu/3190296/ombre
Alessandro De Filippo, Videomaking (pp. 9-88):
https://www.academia.edu/3219821/videomaking


Il corso è articolato in 24 videolezioni, di durata variabile, per complessive circa 6 ore di video. All’interno delle lezioni ci sono moltissimi esempi di sequenze, che vengono analizzate inquadratura per inquadratura.Le lezioni sono articolate in tre sezioni; alla fine della prima e della seconda è previsto un test intermedio (prova in itinere), ognuno dei quali prevede 15 domande. Alla fine dell’intero corso è previsto un test finale da 30 domande.

La grammatica audiovisiva


Lezioni

[Video] I limiti di campo dell'inquadratura (9'36")
[Video] I piani e i campi (24'37")
[Video] L'aspect ratio (13'08")
[Video] La composizione dell'inquadratura (17'58")
[Video] Obiettivi e profondità di campo (8'23")
[Video] L'esposizione e la qualità della luce (9'25")
[Video] La dominante colore (14'51")
[Video] Movimenti di macchina. Teoria (15'24")
[Video] I movimenti di macchina. Casi di studio (15'33")
[Video] Diegetico ed extradiegetico (21'21")
La sintassi audiovisiva


Lezioni

[Video] Il comunicato audiovisivo: audio, video e didascalia (11'28")
[Video] Il comunicato audiovisivo: registrazione e rappresentazione della realtà (14'21")
[Video] Come funziona un comunicato audiovisivo? (13'04")
[Video] La preproduzione, la produzione e la postproduzione (10'03")
[Video] Il montaggio: dall'inquadratura alla sequenza (13'48")
[Video] Il ciak e la sincronizzazione (11'49")
[Video] Campo e controcampo (13'32")
[Video] Il formato e il supporto (13'43")
[Video] Analogico e digitale (11'02")
L'estetica audiovisiva


Lezioni

[Video] Il tempo e la durata (18'00")
[Video] L'intenzione documentaria (16'07")
[Video] Le violazioni del linguaggio audiovisivo (23'19")
[Video] La diffusione dei nuovi dispositivi di ripresa (23'53")
[Video] Il Cinema oltre il cinema (12'50")
23 Nuovi dispositivi (23'52'')
Modalità Corso
Tutoraggio
Stato del corso
Tutoraggio Soft
Durata
4 settimane
Impegno
10 ore/settimana
Categoria
Scienze Sociali
Lingua
Italiano
Tipo
Online
Livello
Base

Partecipazione e Attestati

Quota di iscrizione
GRATUITO!

Corsi collegati